Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

GIOVANI E EUROPA

Immagine dell'articolo

Il sogno di sentirsi cittadini degli Stati Uniti d'Europa sembra ancora lontano per i giovani italiani. Secondo un recente sondaggio del portale Skuola.net, condotto su oltre 3.100 giovani tra i 13 e i 29 anni, ben 8 su 10 si sentono più italiani che europei. Tuttavia, questo dato non significa che manchi un senso di appartenenza all'Unione Europea: il 79% degli intervistati si definisce comunque orgogliosamente "figlio d'Europa".

Identità europea e differenze generazionali

L'analisi dei dati rivela un interessante trend generazionale: il senso di appartenenza all'Europa è più forte tra i giovanissimi. Tra i ragazzi di età compresa tra i 13 e i 17 anni, l'85% si identifica come cittadino europeo, mentre questa percentuale scende al 72% tra i 18 e i 29 anni. Questo potrebbe indicare che le esperienze scolastiche e formative recenti, spesso più integrate nel contesto europeo, influenzano maggiormente i più giovani.

I vantaggi dell'Unione Europea

I giovani riconoscono diversi benefici nell'essere parte dell'Unione Europea. La possibilità di viaggiare liberamente tra i Paesi membri è vista come il principale vantaggio, con il 43% degli intervistati che la considera l'aspetto più positivo. Anche il maggior peso internazionale dell'Unione (21%) e la possibilità di studiare nelle università europee senza troppi vincoli (16%) sono apprezzati. Al contrario, elementi come la moneta unica e le normative armonizzate tra i Paesi membri sembrano avere un impatto minore sul loro entusiasmo.

Critiche e aspettative

Non mancano però le critiche. I vincoli economici imposti dall'Unione sono il principale motivo di malcontento, segnalato dal 40% degli intervistati. La gestione dei migranti e la dipendenza dell'Italia da nazioni più forti sono altri due aspetti criticati, rispettivamente dal 25% e dal 19% dei giovani.

Per quanto riguarda le priorità per la prossima legislatura europea, i giovani hanno le idee chiare. Al primo posto mettono il lavoro: il 24% ritiene fondamentale aumentare l'occupazione e i salari, soprattutto per i giovani. Seguono le questioni ambientali, con il 15% che considera indifferibile la transizione ecologica. Al terzo posto, con il 12% delle preferenze, ci sono i temi della difesa comune e delle politiche migratorie. Infine, l'11% degli intervistati chiede un riconoscimento maggiore dei diritti civili per tutti i cittadini europei.

Il sondaggio di Skuola.net evidenzia una generazione di giovani che, pur mantenendo un forte senso di identità nazionale, riconosce e apprezza i vantaggi dell'appartenenza all'Unione Europea. Tuttavia, le critiche e le aspettative segnalano chiaramente le aree in cui l'UE deve ancora lavorare per conquistare completamente il cuore dei suoi giovani cittadini. La strada verso una piena identità europea è ancora lunga, ma i giovani italiani sembrano pronti a percorrerla, con la speranza di un futuro più unito e prospero.

07/06/2024

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

12 GIU 2024

EUROPEI DI CALCIO

Scopri le città dove giocano gli Azzurri

10 GIU 2024

I GIOVANI PREFERISCONO LA SINISTRA ALLE ELEZIONI EUROPEE 2024

Boom di Affluenza tra i Fuorisede

08 GIU 2024

EUROPEI DI ATLETICA

L'Italia Trionfa a Roma

08 GIU 2024

LA SCRITTRICE VALENTINA PELLICCIA RICEVE IL PREMIO DONNA D'AUTORE

LA SCRITTRICE VALENTINA PELLICCIA RICEVE IL PREMIO DONNA D'AUTORE

07 GIU 2024

L’ EUROPA CHE VERRÀ

Tanti i temi scottanti per il prossimo futuro dell'UE