Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

35 ANNI DALL'INIZIO DEL MAXIPROCESSO

Immagine dell'articolo

Raccontare ai giovani, fatti che sono successi in tempi non molto remoti ma che hanno cambiato il corso della storia è un nostro dovere morale: il 10 febbraio 1986 si apriva a Palermo il più grande procedimento penale mai celebrato al mondo: inaugurava una nuova stagione di impegno contro la criminalità organizzata in Sicilia.

I giudici Falcone e Borsellino restano tra i protagonisti d'eccezione che hanno cambiato la mentalità corrente contro “Cosa nostra” e che ancora oggi ispirano giovani magistrati mentre le mafie cavalcavano la globalizzazione.

475 imputati, poi scesi a 460 nel corso del processo, 200 avvocati difensori. Le accuse: crimini di mafia tra cui omicidio, traffico di stupefacenti, estorsione, associazione mafiosa. Numeri che suggerirono l'espressione giornalistica di maxiprocesso che generalmente indica solo il processo di primo grado, durato fino al 16 dicembre 1987. Tale processo si concluse con 19 ergastoli e pene detentive per un totale di 2665 anni di reclusione.

Secondo quanto emerso dagli atti giudiziari, all'inizio degli anni ottanta a Palermo imperversava il duro scontro tra due fazioni del gruppo mafioso denominato Cosa nostra: la fazione dei Corleonesi e quella guidata da Stefano Bontate e Gaetano Badalamenti, di cui faceva parte anche Tommaso Buscetta, scappato in Brasile e che si contendevano il dominio sul territorio, al punto che tra il 1981 e il 1983 vennero commessi circa 600 omicidi.

Anche numerosi uomini delle istituzioni italiane, che avevano tentato di combattere la mafia attraverso nuove leggi, indagini e azioni di Polizia, caddero sotto i colpi dell’organizzazione criminale; tra questi, il generale Carlo Alberto dalla Chiesa, il segretario provinciale democristiano Michele Reina, il commissario Boris Giuliano, il giornalista Mario Francese, il candidato a giudice istruttore di Palermo Cesare Terranova, il presidente della Regione Siciliana Piersanti Mattarella, il procuratore Gaetano Costa, il segretario regionale siciliano  Pio La Torre.

11/02/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

05 MAG 2021

CHIARA, CORRI TROPPO

Nuova scommessa imprenditoriale della Ferragni

05 MAG 2021

DILETTA, CAN E IL LAGO GALEOTTO

I due insieme e più felici che mai

05 MAG 2021

FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE

Real Madrid e Chelsea da una parte, Manchester City e Psg dall’altra.

05 MAG 2021

DAVIDE ASTORI: MEDICO SPORTIVO CONDANNATO AD UN ANNO

Il capitano della Fiorentina tre anni fa è morto nel sonno a causa di una malattia genetica. Il medico è stato condannato per non aver valutato correttamente alcune anomalie durante gli accertamenti.

04 MAG 2021

OSCAR 2021

Ad una settimana dalla proclamazione dei premi Oscar 2021 ripercorriamo quali sono stati tutti i vincitori

04 MAG 2021

QUANDO IL VIDEOGIOCO DIVENTA D'AZZARDO

Una strategia di marketing molto precisa:spingere i giocatori a spendere soldi reali