Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

FILM HORROR: A MILANO “UN LIDO DA PAURA”

Immagine dell'articolo

Gli amanti dei film horror potranno soddisfare la loro sete di brividi e paura al ‘Lido di Milano’. La grande struttura, situata in piazzale Lotto del capoluogo lombardo, con la collaborazione della Cineteca Milano, per la seconda estate fino al 29 luglio, propone la visione di tredici delle più belle pellicole, mai prodotte, dai film muti ai più recenti.

L’evento si terrà all’aperto sotto le stelle, ed è stato organizzato nel rispetto delle norme anticovid. I film verranno trasmessi su uno schermo grazie ad un impianto di suoni e ad un proiettore montato su un furgone Fiat del 1936. La manifestazione cinematografica in corso non è l’unico evento organizzato dal ‘Lido Milano Live, WAU!’

Per l’edizione 2021, realizzata proprio in questa area che rientra in un progetto socioculturale per riqualificare gli spazi del Lido, che altrimenti rimarrebbero inutilizzati, sono in programma talk tematici, quindici concerti live e spettacoli teatrali organizzati dal Teatro Errante. I film iniziano alle ore 21, e il costo del biglietto è di 5 euro.

18/07/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

28 SET 2021

LA MAGGIORANZA DELLE DONNE IN PARLAMENTO… O QUASI

Che cosa è successo in Islanda

28 SET 2021

FOCUS GIOVANI 2021: SETTE GIOVANI REALTÀ ARTISTICHE UNDER 35 IN SCENA

1-3 ottobre dalle ore 21:00 | Supercinema - Tuscania (VT)

28 SET 2021

MUSIC4CLIMATE

La music per il clima e l'ambiente

28 SET 2021

JACOBS, UNA PROPOSTA DI... COMPLEANNO

Ecco cosa è accaduto...

27 SET 2021

CRONACA DI UNA FILA DI FINE ESTATE

TUTTI IN FILA PER APPLE 13?

27 SET 2021

TERZA DOSE: OK DEL CTS PER OVER 80, FRAGILI E RSA

Riceveranno la dose booster anche i sanitari, ma se ritenuti fragili o nel caso operino nei reparti più a rischio di contagi.