Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

IRAN: IN PIAZZA DONNE E STUDENTI CONTRO LA POLIZIA MORALE

Immagine dell'articolo

Scendono in piazza per protestare donne e studenti iraniani contro la "polizia morale" e la repressione del governo dopo la morte di Masha Amini, la 22enne di minoranza curda picchiata dagli agenti della ‘polizia morale’ che l'avevano arrestata perché non indossava correttamente il velo

Le forze dell’ordine iraniane  ieri hanno aperto il fuoco contro contro i dimostranti scesi in piazza per protestare contro la morte della ragazza di Sanandaj, capoluogo della provincia del Kurdistan nel nord-ovest del Paese e ci sono state almeno altre quattro vittime

A denunciarlo è stato l'ong curda Hengaw Organization for Human Rights attraverso i social che ha dichiarato che durante la manifestazione sono state ferite circa 75 persone e altre 250 sono state arrestate.

Ma la protesta va avanti diffondendosi in piazze e università oltre che a Teheran a Isfahan, Karaj, Mashhad, Rasht, Saqqes e Sanandaj coinvolgendo oltre che le donne anche gli studenti di sesso maschile sotto un unico grido, quello del nome della ragazza uccisa sotto i colpi della repressione iraniana.

Masha Amini il 13 settembre scorso era stata arrestata dalla polizia morale a Teheran per aver indossato "abiti inappropriati", si trovava  in vacanza con la famiglia a Teheran da una provincia del nord ovest del Paese dove è  stata fermata da una delle pattuglie “della moralità” perché dal velo le sfuggiva una ciocca di capelli  e dopo l’arresto è morta a causa  del coma causato  delle percosse ricevute

Professioniste e lavoratrici protestano a gran voce e con coraggio, mettendo a rischio la loro vita, urlano slogan contro il governo, si tagliano i capelli ed in alcuni casi addirittura bruciano hijab

L'Onu ha denunciato  "la violenta repressione" alle manifestazioni in Iran a seguito della morte di Mahsa e  "L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ad interim, Nada Al-Nashif, ha espresso preoccupazione per la morte della ragazza  e per la reazione violenta delle forze di sicurezza alle manifestazioni che ne sono seguite", si sottolinea in un comunicato dell'Alto Commissariato, in cui si chiede un'indagine "tempestiva e indipendente" sulla morte della giovane appartenente alla minoranza curda. La questione mette in imbarazzo non poco il presidente Raisi che oggi partecipa al vertice Onu a Palazzo di Vetro.

A condannare la morte di Masha considerandola “inaccettabile”, anche il capo della diplomazia europea, Joseph Borrell

E’ inaccettabile che oggi ancora in qualche parte del mondo si possa ancora morire solo e soltanto per aver mostrato la propria femminilità

20/09/2022

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

05 OTT 2022

DELOITTE ASSUME

Deloitte assume 3500 professionisti

04 OTT 2022

REGIONE LAZIO: PILLOLA CONTRACCETTIVA GRATUITA?

PILLOLA CONTRACCETTIVA GRATUITA NELLA REGIONE LAZIO?

04 OTT 2022

VERONAFIERE LAVORA CON NOI: ASSUNZIONI IN CORSO

Il Gruppo Veronafiere cerca nuove risorse dinamiche e con voglia di mettersi in gioco che diano un valore aggiunto al lavoro del team.

04 OTT 2022

IRAN: ALESSIA PIPERNO ARRESTATA A TEHERAN

La viaggiatrice romana è in carcere dal 28 settembre: ancora sconosciuti i motivi.

03 OTT 2022

GLI AZZURRI DELLA PALLACANESTRO FISDIR SONO CAMPIONI DEL MONDO

La nazionale italiana di pallacanestro, degli sport paralimpici intellettivo relazionali, conquistano la Coppa del Mondo

03 OTT 2022

VANESSA INCONTRADA: ATTRICE, PRESENTATRICE E IMPRENDITRICE

La showgirl spagnola, da anni, ha aperto ‘Besitos’, il suo negozio di abbigliamento, borse e accessori a Follonica.