Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

LAUREA ABILITANTE COSA SAPERE

Immagine dell'articolo

Sono stati pubblicati i decreti del ministro dell’università e della ricerca, Maria Cristina Messa, adottati di concerto con il ministro della Salute, Roberto Speranza, che adeguano la disciplina delle lauree magistrali a ciclo unico in Farmacia e farmacia industriale, Medicina veterinaria, Odontoiatria e protesi dentaria e in Psicologia a quanto previsto dalla legge 8 novembre 2021, n. 163, “Disposizioni in materia di titoli universitari abilitanti”.

La norma, infatti, ha previsto che l’esame finale per il conseguimento di queste lauree abiliti, rispettivamente, all’esercizio della professione di farmacista, di medico veterinario, di odontoiatra e di psicologo.

Nei decreti sono, quindi, contenute le disposizioni affinché l’esame finale comprenda lo svolgimento di una prova pratica valutativa delle competenze professionali acquisite con il tirocinio interno ai corsi di studio per accertare il livello di preparazione tecnica.

Per tutte e quattro le lauree è previsto, all’interno dei corsi di studio, un tirocinio pratico-valutativo a carattere professionalizzante (corrispondente a 30 crediti formativi per le lauree a ciclo unico; per psicologia sono previsti 10 crediti da acquisire durante la triennale e 20 nella magistrale) che consenta agli studenti di acquisire le competenze necessarie per lo svolgimento delle diverse professioni. Terminato il tirocinio – oltre che tutti gli esami – gli studenti dovranno sostenere l’esame finale che comprende lo svolgimento di una prova pratica valutativa, per la quale sono previste delle commissioni giudicatrici, che precede la discussione della tesi di laurea alla quale si può accedere solo con un giudizio di idoneità da parte della commissione.

Nei decreti ministeriali sono indicati anche i contenuti minimi ineludibili che deve comprendere il tirocinio pratico-valutativo.

La nuova disciplina potrà entrare in vigore a partire dall’anno accademico 2023/2024. È, infatti, previsto che l’adeguamento da parte delle università dei regolamenti didattici si applichi a decorrere dall’anno accademico successivo a quello in corso alla data di adozione dei decreti rettorali (presumibilmente nel 2022/2023) che dovranno ottenere una valutazione positiva dell’accreditamento.

Inoltre, coloro che, quando entrerà in vigore la nuova disciplina, saranno iscritti ai corsi di laurea secondo l’ordinamento didattico precedente non abilitante potranno optare per il passaggio al nuovo percorso abilitante.

29/07/2022

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

18 AGO 2022

UNIVERSITA’: PREZZI STANZE IN AFFITTO IN CRESCITA

L’aumento dei costi per le camere è pari all’11% per una singola e 9% per una doppia.

18 AGO 2022

L’INFLUENCER KHABY LAME RICEVE LA CITTADINANZA ITALIANA

Dopo l’ok dello Stato italiano, nel Comune di Chivasso l’influencer ha giurato di “Essere fedele alla Repubblica Italiana”.

18 AGO 2022

ESTATE SENZA FABIO ROVAZZI

Niente brano per l’estate per Fabio Rovazzi

17 AGO 2022

ELON MUSK: “COMPRO IL MANCHESTER UNITED!”

Il Ceo di Tesla spiazza con la dichiarazione su Twitter: in molti ipotizzano che sia solo uno scherzo.

17 AGO 2022

LE PROPOSTE ELETTORALI PER I GIOVANI: IL PARTITO DEMOCRATICO

Viaggio tra le proposte elettorali

17 AGO 2022

BENNIFER: DOPO IL ‘SI’ A LAS VEGAS MEGA PARTY IN GEORGIA

J-Lo e Ben Affleck hanno organizzato tre giorni di eventi per festeggiare il loro matrimonio.