Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

FIACCOLATA AL CAMPIDOGLIO: UNITI PER CHIEDERE GIUSTIZIA PER NAVALNY

Immagine dell'articolo

Nel cuore di Roma, alle 18:30 di oggi, un mare di fiaccole illuminerà il cielo in un gesto di solidarietà e protesta. La fiaccolata, partita dall'idea coraggiosa di Azione, guidata da Carlo Calenda, è un grido di indignazione per la morte di Alexei Navalny, l'ultimo dei dissidenti russi caduto vittima del regime di Putin.

Ci troviamo di fronte a un evento senza precedenti nella storia della Repubblica italiana. È la prima volta che un'intera galassia politica, dall'estrema sinistra all'estrema destra, si unisce per una causa comune: chiedere giustizia per Navalny e condannare senza mezzi termini il regime oppressivo che ha provocato la sua morte.

Le parole di Carlo Calenda risuonano con forza: "Non è cosa da niente che l'ultimo dei dissidenti russi venga ammazzato da Putin. Qui in Italia non è successo niente, perciò ci è sembrato giusto proporre una fiaccolata". È un richiamo alla coscienza collettiva, un invito a non voltare lo sguardo di fronte all'orrore dell'oppressione politica.

La partecipazione di giovani è fondamentale in questo contesto. Sono loro che, con la loro energia e determinazione, possono portare avanti il messaggio di libertà e giustizia. Le fiaccole che bruceranno questa sera al Campidoglio saranno anche il simbolo della speranza di un futuro migliore, in cui il rispetto dei diritti umani non sia più una chimera.

Ma non sono solo i politici a fare sentire la propria voce. Anche la società civile si mobilita, con sindacati come Cisl, Uil e Cgil che aderiscono alla fiaccolata, dimostrando che la lotta per i diritti non ha colore politico. È un segnale potente che attraversa ogni barriera ideologica, unendo le persone nella difesa dei valori fondamentali della democrazia e della libertà.

La morte di Navalny non è solo un fatto politico, ma un tragico monito sulla fragilità delle istituzioni democratiche. È un richiamo alla responsabilità di ciascuno di noi nel difendere e promuovere i principi di uguaglianza e giustizia. La fiaccolata di oggi è solo l'inizio di un lungo cammino, ma è un passo importante verso un futuro in cui la libertà non sia più minacciata da regimi autoritari.

Mentre le fiaccole illuminano il cielo di Roma, il mondo intero guarda con speranza e solidarietà. È un messaggio chiaro: non saremo mai silenti di fronte all'ingiustizia e all'oppressione. La nostra voce, unita e determinata, continuerà a farsi sentire fino a quando giustizia sarà fatta per Navalny e per tutti coloro che lottano per la libertà in ogni angolo del mondo.

19/02/2024

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

24 GIU 2024

EUROPEI DI CALCIO 2024

Sfida Cruciale per l’Italia di Spalletti contro la Croazia

24 GIU 2024

GIOVANI: BOOM DI INFEZIONI SESSUALI IN ITALIA

Allarme IST tra i Giovani

23 GIU 2024

SERGIO MATTARELLA E I 160 ANNI DELLA CROCE ROSSA

Un Inno al Volontariato e alla Solidarietà

21 GIU 2024

MATURITÀ 2024: PRONTI PER GLI ORALI?

Ecco cosa aspettarsi

21 GIU 2024

“ITALIA: COSÌ NO”

Europee: la nazionale italiana sconfitta dalla spagna

20 GIU 2024

SPALLETTI E GLI AZZURRI SFIDANO LA SPAGNA PER MOSTRARE IL LORO VALORE

Notte prima degli esami anche nel calcio