Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

SIMONE BARLAAM A TARANTO: LA VOCE DEL NUOTO PARALIMPICO RISUONA TRA I GIOVANI

Immagine dell'articolo

Siamo nel cuore della quarta edizione del Festival della cultura paralimpica, che si tiene nell'incantevole cornice della Sala Verde dell'Arsenale militare marittimo di Taranto. Tra gli illustri ospiti, spiccano due stelle azzurre del nuoto paralimpico italiano: Simone Barlaam, campione paralimpico di nuoto, e Benedetta Pilato, giovanissima nuotatrice di Taranto.

Simone Barlaam, 23enne milanese, ha affascinato il pubblico con le sue imprese alle Paralimpiadi di Tokyo 2020, portando a casa medaglie d'oro, d'argento e di bronzo. Ma oggi, il suo palcoscenico è diverso. Rivolgendosi a una platea di giovani studenti e studentesse provenienti da varie scuole, Barlaam ha sottolineato l'importanza di conoscere il mondo paralimpico.

"È davvero molto bello ed emozionante essere qui oggi", ha dichiarato Barlaam. "Ci sono tante classi di studenti e studentesse molto giovani che stanno affollando queste Sale. È importante che conoscano la realtà del mondo paralimpico, perché sono loro la classe dirigente del futuro."

Benedetta Pilato, a soli 18 anni, è già entrata nella storia come la nuotatrice italiana più giovane a debuttare in un Mondiale. La sua presenza al Festival è un motivo di grande orgoglio per la sua città natale, Taranto. "Sono a casa", ha affermato Pilato, "e anche per me è davvero bello stare insieme a voi nella mia città."

Simone Barlaam ha condiviso la sua esperienza personale, ricordando come il nuoto sia stato per lui più di uno sport, ma una forma di riabilitazione. "Da bambino, la mia situazione clinica era piuttosto grave", ha raccontato. "Ogni movimento, ogni pressione sulla gamba rischiava di fratturare il femore, un osso fragile come un cristallo. Inizialmente ho vissuto il nuoto come una sorta di riabilitazione, poi stare in acqua mi è piaciuto sempre più. Mai, però, avrei pensato che questo sport sarebbe diventato la mia professione e che sarei arrivato a parlare oggi fin qui della mia vita di atleta. Ho fatto tanti sacrifici ma devo dire che ne è valsa la pena."

Benedetta Pilato ha sottolineato l'importanza di radicare lo sport paralimpico nella cultura di tutti i ragazzi, paragonandolo all'attenzione riservata allo sport olimpico. "Rispetto a prima, lo sport paralimpico si conosce di più ma deve essere radicato nella cultura di tutti i ragazzi come avviene per quello olimpico", ha affermato Pilato.

In conclusione, la presenza di Barlaam e Pilato a Taranto durante il Festival della cultura paralimpica rappresenta un'opportunità unica per i giovani presenti di comprendere e apprezzare il valore dello sport paralimpico. Sono esempi viventi di determinazione, passione e successo, dimostrando che le sfide possono essere superate con impegno e resilienza. Che il richiamo di Barlaam "I ragazzi sono la classe dirigente del futuro" risuoni ancora più forte tra le giovani menti di Taranto e oltre.

17/11/2023

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

21 MAG 2024

"ATTRAVERSO I MIEI OCCHI" INTERVISTA AD ALESSANDRO ANGELELLI

"ATTRAVERSO I MIEI OCCHI" INTERVISTA AD ALESSANDRO ANGELELLI

20 MAG 2024

MÅNESKIN: IL TOUR MONDIALE NEI FESTIVAL PARTE DAL MESSICO

La band ha infiammato il palco del Tecate Emblema Festival di Città del Messico

20 MAG 2024

JUVENTUS-ALLEGRI È FINITA

Era già nell'aria da mesi e settimane

20 MAG 2024

LA MAGIA DEL SUONO: L’EBU AUDIO STORYTELLING FESTIVAL A ROMA

Dal 20 al 22 maggio per esplorare e celebrare le ultime innovazioni nel mondo dei podcast e dei documentari audio

18 MAG 2024

ADDIO TWITTER

Il Social Network Ora Vive su X.com

17 MAG 2024

INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Giovani e Imprese Unite a Venezia per il Futuro