Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

TERREMOTO A MARRAKECH: 2122 VITTIME, IL MONDO SI MOBILITA PER AIUTARE IL MAROCCO

Immagine dell'articolo

Un terremoto devastante ha colpito Marrakech e le aree circostanti nella notte tra venerdì e sabato, lasciando dietro di sé una scia di distruzione e dolore. Secondo l'ultima fonte dell'Organizzazione delle Nazioni Unite, il terremoto ha causato la morte di 2122 persone e ha colpito più di 300.000 individui. L'intera comunità internazionale si sta mobilitando per offrire aiuto e sostegno al Marocco in questo momento di grande necessità.

 

L'Ufficio Regionale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per il Mediterraneo Orientale ha espresso le sue più sentite condoglianze al popolo marocchino, sottolineando il bisogno urgente di assistenza medica e umanitaria. Le prime risposte di soccorso stanno giungendo da diverse nazioni. La Spagna, il Regno Unito, gli Emirati Arabi Uniti e il Qatar hanno inviato aiuti immediati al Marocco. Il presidente italiano Sergio Mattarella e il leader del partito di opposizione Giorgia Meloni hanno dichiarato che l'Italia è pronta a fornire il proprio aiuto, mentre il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha annunciato il sostegno degli Stati Uniti.

 

In un gesto di solidarietà, il re Mohammed VI del Marocco ha proclamato tre giorni di lutto nazionale, mentre la gente di Marrakech è rimasta scioccata e spaventata dalle continue scosse di assestamento che hanno reso difficile trovare rifugio nelle ore successive al terremoto.

 

Molti sfollati, in particolare donne e bambini, si sono radunati lungo le strade principali di Marrakech, in attesa di aiuti. I negozi sono rimasti chiusi a causa del lutto nazionale, e la città è immersa in un clima di profonda tristezza e apprensione.

 

La medina, il cuore storico di Marrakech, è stata gravemente danneggiata, con macerie e distruzione ovunque. Tuttavia, la preoccupazione maggiore si concentra sui villaggi rurali circostanti, dove ancora non sono disponibili dati precisi sugli enormi danni subiti.

 

La Mezzaluna Rossa Marocchina (MRCS) si è immediatamente attivata per collaborare con le autorità locali nelle operazioni di ricerca e soccorso. Stanno cercando superstiti tra le macerie, fornendo il primo soccorso e assistenza ai sopravvissuti. Tuttavia, davanti a questa emergenza di vasta portata, la MRCS ha bisogno del sostegno di tutti, come sottolineato dalla Federazione Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

 

La Croce Rossa Italiana ha aperto una raccolta fondi attraverso il suo sito web per sostenere la MRCS nel soccorrere la popolazione colpita dal terremoto. Chiunque desideri contribuire può farlo collegandosi al sito dedicato al terremoto in Marocco. Il messaggio sulla pagina web della Croce Rossa Italiana è chiaro: "Dobbiamo sostenere i soccorritori. I nostri centri operativi di emergenza sono in stato di allerta. C'è bisogno dell'aiuto di tutti. Dona ora!"

 

Il Marocco affronta ora una delle sfide più difficili della sua storia recente, ma la solidarietà internazionale e l'impegno delle organizzazioni di soccorso stanno portando un raggio di speranza in mezzo a questa tragedia. Mentre il paese si unisce per affrontare la crisi, il mondo guarda con speranza alla guarigione e alla ricostruzione di Marrakech e delle comunità circostanti.

10/09/2023

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

12 GIU 2024

EUROPEI DI CALCIO

Scopri le città dove giocano gli Azzurri

10 GIU 2024

I GIOVANI PREFERISCONO LA SINISTRA ALLE ELEZIONI EUROPEE 2024

Boom di Affluenza tra i Fuorisede

08 GIU 2024

EUROPEI DI ATLETICA

L'Italia Trionfa a Roma

08 GIU 2024

LA SCRITTRICE VALENTINA PELLICCIA RICEVE IL PREMIO DONNA D'AUTORE

LA SCRITTRICE VALENTINA PELLICCIA RICEVE IL PREMIO DONNA D'AUTORE

07 GIU 2024

L’ EUROPA CHE VERRÀ

Tanti i temi scottanti per il prossimo futuro dell'UE