Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

DONNE PIÙ ISTRUITE, MA IL DIVARIO DI GENERE NEL LAVORO SI ALLARGA: IL RAPPORTO ISTAT DEL 2022

Immagine dell'articolo

Il recente rapporto dell'Istat del 2022, intitolato 'Livelli di istruzione e ritorni occupazionali', offre uno sguardo approfondito sulla situazione educativa e lavorativa in Italia. Mentre emergono alcune buone notizie riguardo all'occupazione dei giovani neo-diplomati, il divario di genere nel lavoro rimane una sfida importante, nonostante il crescente vantaggio delle donne nell'istruzione.

 

Donne in vantaggio nell'istruzione

 

Un dato significativo emerso dal rapporto è che le donne sono nettamente in vantaggio quando si tratta di istruzione. Nel gruppo di età compreso tra 25 e 34 anni, il 35,5% delle donne ha una laurea, rispetto al 23,1% degli uomini. Tuttavia, questo vantaggio educativo non si traduce in un vantaggio lavorativo equiparabile.

Il divario di genere nell'occupazione

Il rapporto evidenzia una disparità significativa tra i tassi di occupazione di uomini e donne. Mentre il 78,0% degli uomini è impiegato, solo il 57,3% delle donne trova lavoro. Peggio ancora, il divario di genere è in aumento nel 2022. Questi dati dimostrano che c'è ancora molto lavoro da fare per ridurre le disuguaglianze di genere nel mercato del lavoro.

Crescono le opportunità per i giovani neo-diplomati

Una delle buone notizie del rapporto è il crescente tasso di occupazione tra i giovani con un titolo conseguito da almeno un anno e non oltre tre. Nel 2022, il tasso di occupazione è aumentato del 6,6% per i diplomati e del 7,1% per i laureati rispetto all'anno precedente. Per i laureati, il tasso di occupazione ha addirittura superato di quattro punti il livello raggiunto prima della crisi del 2008. Nonostante questi progressi, le opportunità occupazionali in Italia rimangono inferiori rispetto alla media europea, dimostrando che ci sono margini per ulteriori miglioramenti.

Il valore della formazione

Il rapporto sottolinea l'importanza della formazione e dell'istruzione per l'accesso al mercato del lavoro. Mentre il diploma rimane il livello minimo di istruzione necessario per una crescita professionale, il vantaggio della laurea rispetto al diploma è in diminuzione. Nel 2022, il tasso di occupazione dei laureati è stato dell'83,4%, superiore di 11 punti rispetto ai diplomati (72,3%) e di 30 punti rispetto a coloro che hanno un titolo secondario inferiore (53,3%). La disoccupazione tra i laureati è anche notevolmente più bassa rispetto agli altri gruppi.

Il divario Nord-Sud persiste

Il divario economico tra il Nord e il Sud Italia continua a riflettersi anche nelle opportunità occupazionali. Nel 2022, i laureati tra i 30 e i 34 anni hanno un tasso di occupazione che è 20 punti percentuali più basso al Sud rispetto al Nord (69,9% contro 89,2%). Anche il tasso di disoccupazione è notevolmente più alto nel Sud, anche tra coloro con un alto livello di istruzione.

Il rischio di esclusione dei giovani dal mercato del lavoro

Il rapporto evidenzia anche un rischio concreto di esclusione dal mercato del lavoro per i giovani NEET, ovvero coloro che non sono inseriti in un percorso scolastico o formativo e non sono occupati. In Italia, la percentuale di NEET è del 19% nel 2022, superiore alla media europea dell'11,7%. Questo fenomeno colpisce in particolare le regioni meridionali e gli stranieri residenti in Italia.

In sintesi, il rapporto Istat del 2022 offre una panoramica approfondita della situazione educativa e occupazionale in Italia. Mentre si registrano progressi nell'occupazione dei giovani e nel livello di istruzione delle donne, persistono sfide significative, tra cui il divario di genere nel lavoro e le disuguaglianze regionali. L'investimento in istruzione e formazione continua a essere cruciale per affrontare queste sfide e creare un futuro lavorativo più equo per tutti.

06/10/2023

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

11 LUG 2024

INTELLIGENZA ARTIFICIALE: IL 65% DEI GIOVANI USA CHATGPT PER STUDIARE E IL 60% DELLE AZIENDE PRONTE A UTILIZZARLA PER LE ASSUNZIONI

L'AI sta sempre più entrando nelle abitudini dei giovani

11 LUG 2024

SIRIA, GUERRE, PACE E GEOPOLITICA, INTERVISTA A MUHAMMAD NAJEM

“Muhammad Najem war reporter”

10 LUG 2024

IL POLITECNICO DI MILANO IN VETTA TRA LE UNIVERSITÀ EUROPEE

Un Traguardo per l'Italia

10 LUG 2024

RIVOLUZIONE A SCUOLA: STOP AI CELLULARI, ANCHE PER SCOPI DIDATTICI

Il Ministro Valditara ha firmato una circolare

08 LUG 2024

YOUTUBE SFRUTTA L'IA PER ELIMINARE LA MUSICA SENZA LICENZA DAI VIDEO

Un passo avanti per la tutela del copyright musicale

08 LUG 2024

“MILAN: ECCO FONSECA”

Con l'allenatore Paulo Fonseca è iniziata ufficialmente la nuova era del Milan