Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

RIVOLUZIONE A SCUOLA: STOP AI CELLULARI, ANCHE PER SCOPI DIDATTICI

Immagine dell'articolo

A partire dal prossimo anno scolastico, gli studenti delle scuole medie italiane dovranno abituarsi a un'importante novità: il divieto assoluto dell'uso dei cellulari, anche per scopi didattici. Questa decisione è stata ufficializzata dal Ministro dell'Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, durante il convegno "La scuola artificiale - Età evolutiva ed evoluzione tecnologica" tenutosi a Palazzo San Macuto, a Roma.

"Ho firmato una circolare che vieta dal prossimo anno scolastico l'utilizzo del cellulare a qualsiasi scopo, anche didattico, perché io non credo che si faccia buona didattica con un cellulare fino alle scuole medie," ha dichiarato Valditara. Questa presa di posizione nasce dalla convinzione che l'educazione di qualità non possa dipendere da strumenti come lo smartphone, spesso fonte di distrazione più che di supporto.

Ma cosa cambia veramente per gli studenti? I dispositivi come tablet e computer resteranno ammessi, ma il loro utilizzo dovrà essere rigorosamente guidato dagli insegnanti. Questo provvedimento mira a garantire che la tecnologia venga impiegata in modo costruttivo e controllato, senza che diventi un ostacolo alla concentrazione e all'apprendimento.

Il dibattito è già acceso. Da un lato, ci sono coloro che sostengono che i cellulari, se usati correttamente, possano essere strumenti didattici innovativi e potenti. Applicazioni educative, ricerche online rapide e strumenti di collaborazione sono solo alcune delle potenzialità offerte dai moderni smartphone. Dall'altro, c'è chi ritiene che l'uso eccessivo di questi dispositivi possa ridurre l'attenzione e compromettere le abilità sociali degli studenti.

Il ministro Valditara sembra schierarsi decisamente con quest'ultima visione, puntando a un modello di didattica che valorizza il ruolo centrale dell'insegnante e degli strumenti tecnologici tradizionali, come i computer, ma solo se usati sotto stretta supervisione.

Come prenderanno questa novità gli studenti? È ancora presto per dirlo, ma una cosa è certa: il prossimo anno scolastico si prospetta come un periodo di adattamento e di nuove sfide. Per ora, gli alunni dovranno iniziare a pensare a come fare a meno dei loro amati smartphone durante le ore di lezione, concentrandosi invece su libri, quaderni e l'insegnamento diretto dei loro professori.

Questa decisione segna un passo significativo verso una scuola più disciplinata e focalizzata sull'apprendimento, ma il dibattito su come integrare al meglio la tecnologia nella didattica è destinato a proseguire.

10/07/2024

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

11 LUG 2024

INTELLIGENZA ARTIFICIALE: IL 65% DEI GIOVANI USA CHATGPT PER STUDIARE E IL 60% DELLE AZIENDE PRONTE A UTILIZZARLA PER LE ASSUNZIONI

L'AI sta sempre più entrando nelle abitudini dei giovani

11 LUG 2024

SIRIA, GUERRE, PACE E GEOPOLITICA, INTERVISTA A MUHAMMAD NAJEM

“Muhammad Najem war reporter”

10 LUG 2024

IL POLITECNICO DI MILANO IN VETTA TRA LE UNIVERSITÀ EUROPEE

Un Traguardo per l'Italia

10 LUG 2024

RIVOLUZIONE A SCUOLA: STOP AI CELLULARI, ANCHE PER SCOPI DIDATTICI

Il Ministro Valditara ha firmato una circolare

08 LUG 2024

YOUTUBE SFRUTTA L'IA PER ELIMINARE LA MUSICA SENZA LICENZA DAI VIDEO

Un passo avanti per la tutela del copyright musicale

08 LUG 2024

“MILAN: ECCO FONSECA”

Con l'allenatore Paulo Fonseca è iniziata ufficialmente la nuova era del Milan