Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

LE NOSTRE RICERCHE IN MANO AI CERVELLONI

Immagine dell'articolo

Se prima avevamo l'orologio a scandire i momenti delle nostre giornate, adesso per molti di noi il ticchettio è stato sostituito dalla suoneria della nostra messaggeria istantanea, con i tantissimi “buongiorno” che vengono fuori dal gruppo di classe, dagli amici stretti, da quelli della palestra, quelli dell'aperitivo e dai cugini che stanno lontani e vedi due volte l'anno. Siamo tutti diventati cittadini di WhatsApp e delle sue spunte, blu o grigie non ha importanza.

Non avevamo  fatto  i conti però col fatto di poter diventare un indice che potesse condizionare  il mercato o ancora meglio siamo noi ad essere condizionati dalle pubblicità che ci arrivano in base ai nostri interessi, ai  nostri cookies

Già, perché ormai sappiamo che qualsiasi nostra mossa su Facebook e Instagram viene tracciata, analizzata da un super cervellone e messa in correlazione con milioni di altri dati, usata per proporci pubblicità cucite su di noi, per crearci nuovi bisogni e provare persino a condizionarci:  il marketing 2.0.

Ma ora cade il velo a quello che avete sempre sospettato, a quello che  Zuckerberg aveva sempre negato.  Scopriamo così che i dati non restano confinati nei server dove vengono salvati. Né sulle singole App. Ma possono permettere una profilazione maggiore di noi. Chi non sottostà a queste condizioni, viene escluso dall'uso.

È bastato un messaggio arrivato nei giorni scorsi praticamente a tutti a smascherarlo. "WhatsApp sta aggiornando i propri termini e l'informativa sulla privacy”. Nulla di inedito. Ma stavolta l'ultima frase suona un po' come un ricatto: dopo l'8 febbraio 2021 non sarà possibile utilizzare la piattaforma senza accettare i nuovi termini di servizio.

Nel caso di WhatsApp, quindi, anche il numero di telefono, l'email, i contatti, le localizzazioni, ecc. Tutte informazioni di cui ora già dispone, ma che ora non può incrociare con quelli derivanti da Facebook e InstagramIl velo è caduto, dicevamo. E poco importa se da giorni ripetono che "a rischio" saranno solo le interazioni con le aziende. Cioè con i milioni di account business già presenti sulla piattaforma che dal 16 maggio potranno profilarci meglio. Magari anche in base a quanti parrucchieri contattiamo nel corso dell'anno.

02/02/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

09 MAG 2021

PARTE IL GIRO ED E' SUBITO TOP GANNA

Il Giro d’Italia comincia con una doppietta italiana

09 MAG 2021

DDL ZAN: OTTOMILA PERSONE IN PIAZZA A MILANO CHIEDONO CHE DIVENTI LEGGE

Il disegno di legge, presentato in Parlamento, è stato votato positivamente dalla Camera ma è fermo in Senato. I cittadini, scesi ieri in piazza a Milano, reclamano che venga approvato.

08 MAG 2021

“LOL, CHI RIDE È FUORI 2”

Al momento sono stati riconfermati solo i due conduttori, Mara Maionchi e Fedez, mentre sarà una sorpresa quando verrà trasmessa e chi comporrà la nuova squadra di comici, della seconda edizione.

08 MAG 2021

IL MOTORINO NON ATTRAE PIU' GLI ADOLESCENTI

La smania della macchinetta

07 MAG 2021

BORSA DI PLASTICA DA COLLECTION

Nuovo gadget fashion per l'estate firmato Ferragni

07 MAG 2021

SUCCESSO DELLA SWITCH

Spopola la console Nintendo