Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

IL GENIO DEL MUTO SPOPOLA SUI SOCIAL

Immagine dell'articolo

Khaby Lame supera Chiara Ferragni per numero di follower su Instagram. Su TikTok invece mantiene il terzo posto nella classifica mondiale.

Ventunenne di Chivasso originario del Senegal, in solo quindici mesi ha battuto ogni record con i suoi video virali che mostrano come semplificarsi la vita.

Siparietti spesso muti che prendono simpaticamente in giro i video di chi si complica la vita, magari usando coltello o forchetta per sbucciare una banana o tagliando una maglietta con le forbici per liberarla da uno sportello, quando come lui mostra, basta aprire semplicemente lo sportello.

Con il suo modo unico ed inconfondibile, le sue facce ironiche e un linguaggio del corpo che crea immediata simpatia è riuscito ad arrivare alla cifra da capogiro di 75 milioni di follower su TikTok, subito dietro a Charli D’Amelio e Addison Rae.  Ha conquistato tutti senza pronunciare una sola parola: i suoi video sono muti, anche se “parlano” benissimo. Il fenomeno è esploso all’improvviso, lo ha trasformato in un fenomeno mondiale capace di attirare l’attenzione di Mark Zuckerberg e del New York Times.

25/06/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

28 SET 2021

LA MAGGIORANZA DELLE DONNE IN PARLAMENTO… O QUASI

Che cosa è successo in Islanda

28 SET 2021

FOCUS GIOVANI 2021: SETTE GIOVANI REALTÀ ARTISTICHE UNDER 35 IN SCENA

1-3 ottobre dalle ore 21:00 | Supercinema - Tuscania (VT)

28 SET 2021

MUSIC4CLIMATE

La music per il clima e l'ambiente

28 SET 2021

JACOBS, UNA PROPOSTA DI... COMPLEANNO

Ecco cosa è accaduto...

27 SET 2021

CRONACA DI UNA FILA DI FINE ESTATE

TUTTI IN FILA PER APPLE 13?

27 SET 2021

TERZA DOSE: OK DEL CTS PER OVER 80, FRAGILI E RSA

Riceveranno la dose booster anche i sanitari, ma se ritenuti fragili o nel caso operino nei reparti più a rischio di contagi.