Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

IL CONSERVATORIO OASI DI PACE A GERUSALEMME

Immagine dell'articolo

Nel cuore della Città Vecchia di Gerusalemme, un'istituzione unica sta dimostrando che la musica e l'arte possono abbattere le barriere e promuovere il dialogo tra giovani di diverse fedi e culture. Il Conservatorio Oasi di Pace, situato nella sede della Custodia a San Salvatore, è un luogo dove duecento studenti ebrei, cristiani e musulmani si ritrovano per suonare insieme, condividendo una passione per la musica e un desiderio di pace.

 

La scuola del Magnificat, un'iniziativa dei francescani di Terra Santa, è stata fondata per creare occasioni di incontro e dialogo tra giovani israeliani e palestinesi attraverso la musica e l'arte. Questa visione sta dimostrando di essere più importante che mai, specialmente in un momento in cui la tensione politica e la violenza nell'area hanno portato a profonde divisioni tra le comunità.

 

Dopo i primi giorni di paura e confusione dovuti agli scontri, il Conservatorio ha deciso di riaprire le porte, sia online che in presenza, per offrire un "momento di bellezza" a questi giovani che erano stati traumatizzati dai media e dalle immagini di violenza. Fra Alberto Joan Pari, direttore della Scuola di musica della Custodia, ha sottolineato l'importanza di mantenere la scuola come un'oasi di pace, lontana dalla politica, dove i giovani possono trovare comfort e connessione attraverso la musica.

 

Le sfide sono evidenti, con alcuni studenti costretti a seguire le lezioni online a causa della situazione instabile in alcune parti della città. Tuttavia, il personale del Conservatorio è determinato a far sì che la scuola continui a essere un luogo di inclusione e tolleranza, nonostante i pericoli che li circondano.

 

Uno dei momenti più delicati riguarda l'ensemble di archi dei ragazzi più grandi, che sono stati particolarmente sensibili alla situazione politica in corso. Tuttavia, il maestro d'orchestra israeliano Igor Frur ha comunicato ai giovani che il Conservatorio deve rimanere un luogo di musica e pace, e i giovani hanno risposto positivamente a questa chiamata.

 

Anche se ci sono ostacoli da superare, il Conservatorio sta guardando al futuro con ottimismo. Hanno addirittura sognato di portare la loro musica a Roma, per esibirsi durante il weekend dell'Immacolata, il 8 dicembre, con l'auspicio di incontrare il Papa Francesco, che è noto per il suo impegno a favore della pace e del dialogo interreligioso.

 

In un momento in cui la politica e la violenza sembrano dividere ancora di più le comunità, il Conservatorio Oasi di Pace a Gerusalemme è un esempio brillante di come la musica e l'arte possano unire giovani di diverse culture e credenze per promuovere la pace e il dialogo. La missione di questo conservatorio è chiara: essere un faro di speranza e un luogo di pace in un mondo che troppo spesso sembra essere diviso dalla discordia.

05/11/2023

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

15 APR 2024

TORINO COMICS 2024

Un Concentrato di Passione e Innovazione

14 APR 2024

IL PRIMO MAGGIO AL CIRCO MASSIMO: NOEMI ED ERMAL META AL TIMONE DEL CONCERTONE

L'edizione del 2024 promette di essere indimenticabile

13 APR 2024

NUOVE LEGGI SULLA CYBER SICUREZZA

Cosa Cambia per i Giornalisti e la Diffusione di Informazioni Illecite

12 APR 2024

LA VIA LATTEA NELLA DEA NUT DELL'ANTICO EGITTO

Il misterioso Segreto Celeste

11 APR 2024

ALLA ROMA IL DERBY DELLA CAPITALE

Tra calcio polemiche

11 APR 2024

LA MAXI TOVAGLIA E L'INVITO ALLA SOLIDARIETA' E ALLA CONDIVISIONE DEI GIOVANI TRIESTINI

Giovani di Trieste si uniscono per condividere cibo e solidarietà