Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

COVID: EFFETTI SUI GIOVANI

Immagine dell'articolo

Uno studio condotto dalla Fondazione Foresta Onlus di Padova, mediante un questionario anonimo ha portato alla luce quali siano stati gli effetti della pandemia sugli stili di vita dei ragazzi.

Il sondaggio è stato sottoposto a oltre cinquemila giovani che frequentano il quinto anno delle scuole superiore di Veneto, Puglia e Campania. In oltre un anno, da quando è scoppiata la crisi sanitaria, sono stati in tantissimi ad aver risentito delle numerose limitazioni che hanno influito enormemente anche sulla loro sessualità.

L’analisi condotta confrontano le abitudini dei ragazzi in era pre-Covid con quelli odierni, ha evidenziato una “maggiore incertezza sull’orientamento sessuale”. Se nel 2018-19 l’8% dei ragazzi, dichiarava di non essere eterosessuale, nel 2020-21, lo dichiarano il 15%; anche le ragazze affermano di non aver un orientamento definito, passando dal 22% al 29% nel 2020-21.

A causa dell’obbligo di rimanere in casa, le conoscenze sui diversi siti di incontri e il sesso su internet sono raddoppiati, passando dal 5% al 10%. Se prima del Covid, a collegarsi ai siti porno era l’89% dei maschi, nell’ultimo anno dichiara di collegarvisi anche il 30% delle ragazze.

L’aumento delle ore trascorse sul web, ha portato anche all’aumento, per entrambe le categorie, del cybersex , + 6%, del sexting 34%, e atti di cyberbullismo, + 40% per i maschi e + 25% per le femmine. Lo studio ha dimostrato che durante la pandemia, il senso di solitudine dei maschi è raddoppiato.

Sul piano salutistico, però la situazione sembra essere migliorata, in quanto molti giovani dichiarano di seguire un’alimentazione più sana, l’utilizzo delle sostanze stupefacenti e dei superalcolici, è sceso dal 40% al 25%, anche se l’attività fisica ne ha risentito, passando dal 50% al 30% dei ragazzi che praticano sport.

Il Prof.Carlo Foresta, a capo della Fondazione, ha dichiarato: “La pandemia ha cancellato una parte importante della socialità dei ragazzi. Diventa più difficile conoscere i coetanei, innamorarsi e sperimentare la sessualità, che si è riversata quindi nell’unico strumento di socialità a loro disposizione, cioè Internet. Questo non può compensare le dinamiche reali dei rapporti sociali che si sviluppano a scuola in presenza”.

04/06/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

17 SET 2021

AL PROSSIMO SCHERZO

Nuova puntata in Tv

17 SET 2021

PUGNO DURO DELLA FRANCIA NEI CONFRONTI DEI SANITARI NO VAX

Sospese 3000 unità di personale sanitario no vax

17 SET 2021

MODA’: ‘COMINCIA LO SHOW’

La band milanese torna con il nuovo singolo inedito, che verrà lanciato sia in radio che sugli store digitali.

16 SET 2021

IL CALCIO FEMMINILE APPRODA IN TV

La7 trasmetterà le partite del campionato femminile

16 SET 2021

L'ASPETTO DANNOSO DI INSTAGRAM

L’utilizzo della piattaforma Instagram provocherebbe danni tra gli adolescenti

16 SET 2021

RAI, TORNA "TALE E QUALE"

Duello a distanza con Mediaset