Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

GENERAZIONE Z SOTTO ATTACCO: IL 65% DEI GIOVANI VITTIMA DI VIOLENZA, EMERGONO DATI ALLARMANTI SULL'USO DEL WEB

Immagine dell'articolo

La Generazione Z, composta da giovani tra i 14 e i 26 anni, sta affrontando una diffusa epidemia di violenza, con il 65% dei ragazzi che dichiara di essere stato vittima di atti violenti. Questi dati emergono dall'indagine condotta dall'Osservatorio indifesa, realizzata da Terre des Hommes in collaborazione con OneDay e la community di ScuolaZoo.

Il bullismo, in particolare, colpisce il 63% dei giovani, mentre il 19% ha subito cyberbullismo. Questo quadro allarmante è stato presentato a Milano in occasione del Safer Internet Day durante un incontro con le scuole, organizzato da Terre des Hommes in collaborazione con la Polizia di Stato - Polizia Postale e delle Comunicazioni Lombardia e OneDay Group.

I dati dell'indagine evidenziano differenze significative tra i generi. Le violenze psicologiche e verbali, per esempio, colpiscono in modo equo maschi e femmine (71% in generale), mentre il bullismo è più comune tra i maschi, e il cyberbullismo sembra colpire di più le ragazze. Un fenomeno particolarmente segnalato dalle ragazze è il catcalling, con il 61% che riferisce di commenti sessuali indesiderati ricevuti in luoghi pubblici.

Le conseguenze psicologiche di queste violenze sono gravi, con il 75% dei giovani che riporta una perdita di autostima, sicurezza e fiducia negli altri. La salute mentale è a rischio, con il 47% che dichiara di soffrire di ansia sociale e attacchi di panico, mentre il 45% segnala isolamento e allontanamento dai coetanei.

Il Web è identificato come un luogo pericoloso, soprattutto per il cyberbullismo, secondo il 56% dei giovani. Le ragazze, in particolare, evidenziano il rischio del catcalling e delle molestie online. La necessità di una maggiore regolamentazione del Web è condivisa dal 60% dei ragazzi, indicando un appello per una maggiore sicurezza online.

Le conseguenze fisiche della violenza non sono meno gravi, con il 46.5% dei ragazzi che ha assistito a violenze fisiche, prevalentemente aggressioni e scherzi pesanti.

In un'epoca in cui la salute mentale giovanile è una priorità, questi dati sottolineano l'urgenza di affrontare il problema della violenza, sia online che offline. La sicurezza degli adolescenti richiede azioni concrete, compresa una maggiore regolamentazione del web, affinché diventi un ambiente più sicuro e protetto per la Generazione Z.

01/02/2024

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

28 FEB 2024

LA FORMULA 1 RIPARTE CON IL GRAN PREMIO DEL BAHRAIN

Inizia la lotta per il titolo mondiale

28 FEB 2024

LA FIGLIA DI OBAMA DIVENTA MALIA ANN

Una Nuova Identità nel Mondo del Cinema

28 FEB 2024

CONTINUARE A SOGNARE CON "FAVOLE 2.0" IL NUOVO LIBRO DI FRANCESCA GIACOMELLO

CONTINUARE A SOGNARE CON "FAVOLE 2.0" IL NUOVO LIBRO DI FRANCESCA GIACOMELLO

27 FEB 2024

I SOCIAL NETWORK E LA GENERAZIONE "CAVIA"

Fedez Parla ai Giovani

27 FEB 2024

ACCESSORI: IL TOCCO ESAGERATO PER UN LOOK MINIMALISTA

una tendenza che emerge dalle passerelle della Milano Fashion&Jewels

26 FEB 2024

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANNA PAPPALETTERA

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANNA PAPPALETTERA