Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

F1: NELSON PIQUET CONDANNATO PER RAZZISMO

Immagine dell'articolo

L’intervista rilasciata nel novembre 2021, dall’ex pilota di F1 brasiliano Nelson Piquet, che vinse tre campionati nel 1981, 1983 e 1987, è finita in tribunale. Piquet, riferendosi al sette volte campione del mondo di Formula 1 Lewis Hamilton della Mercedes, utilizzò termini ritenuti razzisti e omofobi da diverse associazioni brasiliane in difesa dei diritti umani e delle persone Lgbt. L’ormai settantenne, invece di chiamare Hamilton con il suo nome, lo ha definito ‘piccolo negro’, ossia ‘negrito’ in lingua portoghese.

Dopo le aspre polemiche, Piquet presentò le pubbliche scuse, spiegando che le sue parole erano state male interpretate e, nonostante ai giudici abbia spiegato che il termine è utilizzato abitualmente per intendere ‘ragazzo o ‘persona’, il Tribunale civile di Brasilia, non accettando la spiegazione, lo ha condannato per razzismo a pagare cinque milioni di real, poco meno di 900 mila euro.

Il giudice ha spiegato che la sanzione più che “funzione riparatoria della responsabilità civile” ha una “funzione punitiva”, sperando che un giorno “la società si liberi di atti perniciosi che sono il razzismo e l’omofobia

 

27/03/2023

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

12 GIU 2024

EUROPEI DI CALCIO

Scopri le città dove giocano gli Azzurri

10 GIU 2024

I GIOVANI PREFERISCONO LA SINISTRA ALLE ELEZIONI EUROPEE 2024

Boom di Affluenza tra i Fuorisede

08 GIU 2024

EUROPEI DI ATLETICA

L'Italia Trionfa a Roma

08 GIU 2024

LA SCRITTRICE VALENTINA PELLICCIA RICEVE IL PREMIO DONNA D'AUTORE

LA SCRITTRICE VALENTINA PELLICCIA RICEVE IL PREMIO DONNA D'AUTORE

07 GIU 2024

L’ EUROPA CHE VERRÀ

Tanti i temi scottanti per il prossimo futuro dell'UE