Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

IL GIUSTO SMALTIMENTO DELLE MASCHERINE

Immagine dell'articolo

In Italia sono state prodotte 300mila tonnellate di rifiuti a causa del Covid-19. Questi sono i dati che ha riportato la Commissione Ecomafie nella relazione «Emergenza epidemiologica Covid-19 e ciclo dei rifiuti» presentata a Montecitorio a fine 2020. Soltanto nel nostro Paese sono state prodotte 300mila tonnellate di rifiuti, tra mascherine e guanti monouso. Numeri che potrebbero essere destinati a salire a causa della recrudescenza del virus e delle nuove misure attuate per abbassare la curva dei contagi.

L’analisi della Commissione Ecomafie ha però portato alla luce anche un dato positivo: il sistema italiano di gestione dei rifiuti è riuscito a gestire bene la nuova mole di lavoro. Il sistema di gestione dei rifiuti si è quindi dimostrato all’altezza dei nuovi numeri e soprattutto a reggere è stato anche il sistema di smaltimento di rifiuti sanitari a rischio infettivo.
Una buona notizia dal momento che i rischi per l’ambiente, con una cattiva gestione dei rifiuti da Covid-19, sono davvero tanti e da tempo gli ambientalisti cercano di sensibilizzare la popolazione sul corretto smaltimento delle mascherine.

Le mascherine chirurgiche impiegano infatti 450 anni per decomporsi, un dato che ha messo in allarme moltissime associazioni per le possibili ripercussioni sull’ambiente. In Italia quindi, sebbene la produzione di rifiuti sia cresciuta, il sistema è stato in grado di far fronte alla nuova mole di lavoro.

I rifiuti dovranno continuare ad essere smaltiti bene, dal momento che il rischio in caso di blocco del sistema è che i presidi chirurgici finiscano dispersi nell’ambiente causando così danni irreparabili. Il rischio più alto è che le mascherine finiscano in mare, andando così ad essere ingerite dagli animali e portando così ad avere un disastro climatico.

Per evitare che la pandemia provochi gravi danni all’ambiente si dovrà fare attenzione quando si gettano le mascherine usate. Questi dispositivi non devono essere dispersi nell’ambiente, ma gettati nei cassonetti della raccolta indifferenziata, dal momento che per essere smaltiti correttamente devono essere bruciati negli inceneritori.
Un ottimo modo per riuscire a non pesare troppo sulla natura e l’ambiente è scegliere mascherine lavabili e riutilizzabili, efficaci come le mascherine chirurgiche usa e getta.

04/04/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

16 GIU 2021

VACCINI: RISCHIO MIOCARDITE NEI GIOVANI

La rivelazione di uno studio scientifico

16 GIU 2021

J LO E BEN AFFLECK: DI NUOVO INSIEME

Dopo mesi di smentite, i due non si nascondono più. Durante una cena, si baciano in pubblico.

16 GIU 2021

MATURITA' UNA GRANDE PROVA SOLO ORALE

Al via gli esami con alcune importanti novità dovute al Covid

15 GIU 2021

BASTA CON FAST&FURIOUS

Possibile fine per la saga?

15 GIU 2021

MICHELLE, UNA NONNA COMMOSSA

Davanti a sua figlia scoppia a piangere...

15 GIU 2021

CONCORSO VIGILI DEL FUOCO: N. 314 ISPETTORI ANTINCENDI

Per poter partecipare al concorso per Vigili del Fuoco, è necessaria la laurea nell’ambito di ingegneria o architettura.