Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

MARLENE ENGELHORN: LA GIOVANE EREDITIERA CHE SFIDA LO STATUS QUO CON UNA DONAZIONE RIVOLUZIONARIA

Immagine dell'articolo

Marlene Engelhorn, la 31enne erede dell'impero farmaceutico tedesco BASF, sta facendo onda nel panorama sociale con l'annuncio audace di donare gran parte della sua fortuna, pari a 25 milioni di euro, a sconosciuti estratti a sorte. La giovane austriaca, discendente del fondatore di una delle più grandi aziende chimiche al mondo, non si limita a manifestare il desiderio di un cambiamento, ma agisce concretamente per promuovere una redistribuzione equa della ricchezza.

La decisione di Marlene Engelhorn ha radici profonde nelle sue convinzioni sociali. La ricca ereditiera è da tempo impegnata in progetti per il sociale e, durante una conferenza stampa, ha spiegato la sua missione di sensibilizzare la società affinché riconosca come "naturale" la distribuzione della ricchezza a vantaggio di tutti, non solo dei più privilegiati. I 25 milioni di euro, che costituiscono circa il 90% del suo patrimonio, saranno gestiti attraverso un consiglio indipendente composto da 10.000 persone estratte a caso.

Questo consiglio, denominato "Guter Rat," sarà composto da 50 residenti austriaci eletti tra le 10.000 persone selezionate casualmente da un noto istituto democratico nazionale. Le riunioni del consiglio, che si svolgeranno tra marzo e giugno, saranno guidate da un moderatore e accompagnate da esperti. La discussione vertirà su come ridistribuire al meglio il patrimonio di Engelhorn, evitando le tradizionali forme di filantropia considerate dalla giovane ereditiera come strumenti che conferiscono ai ricchi un potere indebito nella beneficenza.

Per assicurare la massima indipendenza economica ai membri del "Guter Rat," saranno retribuiti con 1.200 euro a settimana, coprendo inoltre le spese di vitto, alloggio e viaggio. Tutti i partecipanti avranno la possibilità di mantenere l'anonimato, a meno che non decidano diversamente.

Marlene Engelhorn ha evidenziato la distribuzione diseguale della ricchezza in Austria, sottolineando che l'1% dei più ricchi controlla il 50% del patrimonio nazionale. Questo squilibrio, secondo la giovane ereditiera, mina il tessuto sociale, il sistema politico e i media, mettendo a rischio la democrazia.

La battaglia di Engelhorn non è nuova: da tempo chiede al governo austriaco di adottare misure più efficaci per ridistribuire la ricchezza, tra cui la reintroduzione della tassa di successione, abolita nel 2008. Inoltre, fa parte del movimento "Patriotic Millionaires," che promuove tasse più elevate per i ricchi, unendosi a personalità come l'attore Mark Ruffalo, l'ereditiera Abigail Disney e l'imprenditore Nick Hanauer.

Marlene Engelhorn emerge come un esempio di giovane ereditiera che non solo riconosce le disuguaglianze esistenti, ma si impegna attivamente a cambiare lo status quo attraverso azioni concrete e innovative. La sua iniziativa potrebbe aprire la strada a una nuova prospettiva sulla redistribuzione della ricchezza e ispirare altri a seguire il suo esempio.

16/01/2024

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

28 FEB 2024

LA FORMULA 1 RIPARTE CON IL GRAN PREMIO DEL BAHRAIN

Inizia la lotta per il titolo mondiale

28 FEB 2024

LA FIGLIA DI OBAMA DIVENTA MALIA ANN

Una Nuova Identità nel Mondo del Cinema

28 FEB 2024

CONTINUARE A SOGNARE CON "FAVOLE 2.0" IL NUOVO LIBRO DI FRANCESCA GIACOMELLO

CONTINUARE A SOGNARE CON "FAVOLE 2.0" IL NUOVO LIBRO DI FRANCESCA GIACOMELLO

27 FEB 2024

I SOCIAL NETWORK E LA GENERAZIONE "CAVIA"

Fedez Parla ai Giovani

27 FEB 2024

ACCESSORI: IL TOCCO ESAGERATO PER UN LOOK MINIMALISTA

una tendenza che emerge dalle passerelle della Milano Fashion&Jewels

26 FEB 2024

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANNA PAPPALETTERA

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANNA PAPPALETTERA