Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

LA VOCE DEGLI STUDENTI CONTRO LA SOSPENSIONE: LIBERTÀ DI ESPRESSIONE A RISCHIO?

Immagine dell'articolo

Una nuvola di polemiche si è abbattuta sull'Istituto Tecnico Economico e Sociale (Ites) Jacopo Barozzi di Modena, dove uno dei rappresentanti degli studenti è stato sanzionato con una sospensione di dodici giorni a seguito di un'intervista rilasciata a un giornale locale.

Il giovane, il cui nome è stato mantenuto in riserbo, aveva parlato con la Gazzetta di Modena per spiegare le ragioni di uno sciopero organizzato il 28 novembre, non autorizzato dalla dirigente scolastica. Le dichiarazioni del rappresentante d'istituto hanno sollevato una serie di criticità relative alla vita scolastica, tra cui la richiesta di essere trattati come studenti e l'auspicio che le loro proposte venissero ascoltate.

La sospensione, decisa dal Consiglio d'Istituto, ha scatenato una reazione immediata da parte degli studenti, che oggi hanno organizzato un sit-in di solidarietà in difesa del loro rappresentante. In una nota congiunta, gli studenti hanno definito la decisione del Consiglio "molto grave", affermando di sentirsi attaccati nella loro libertà di espressione e parola.

L'avvocato Stefano Cavazzuti, che rappresenta il giovane sanzionato, ha dichiarato di essere in attesa della notifica ufficiale del provvedimento disciplinare. L'avvocato ha già preparato una memoria difensiva di sedici pagine, sottolineando che il suo assistito ha rilasciato l'intervista in qualità di rappresentante degli studenti, esercitando così una funzione politica che dovrebbe legittimare il diritto alla libertà di espressione e di critica.

Nel comunicato diffuso durante il sit-in, gli studenti hanno anche menzionato altri episodi che coinvolgono rappresentanti degli studenti, anch'essi oggetto di provvedimenti disciplinari di minore entità. Le azioni disciplinari sembrano essere dirette verso coloro che si fanno portavoce delle opinioni degli studenti, sollevando dubbi sulla reale tutela della libertà di espressione all'interno dell'istituto.

La vicenda apre un dibattito su quanto sia effettivamente garantita la libertà di espressione degli studenti nelle scuole, evidenziando la necessità di trovare un equilibrio tra la gestione disciplinare e il diritto degli studenti di esprimere le proprie opinioni.

30/01/2024

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

11 LUG 2024

INTELLIGENZA ARTIFICIALE: IL 65% DEI GIOVANI USA CHATGPT PER STUDIARE E IL 60% DELLE AZIENDE PRONTE A UTILIZZARLA PER LE ASSUNZIONI

L'AI sta sempre più entrando nelle abitudini dei giovani

11 LUG 2024

SIRIA, GUERRE, PACE E GEOPOLITICA, INTERVISTA A MUHAMMAD NAJEM

“Muhammad Najem war reporter”

10 LUG 2024

IL POLITECNICO DI MILANO IN VETTA TRA LE UNIVERSITÀ EUROPEE

Un Traguardo per l'Italia

10 LUG 2024

RIVOLUZIONE A SCUOLA: STOP AI CELLULARI, ANCHE PER SCOPI DIDATTICI

Il Ministro Valditara ha firmato una circolare

08 LUG 2024

YOUTUBE SFRUTTA L'IA PER ELIMINARE LA MUSICA SENZA LICENZA DAI VIDEO

Un passo avanti per la tutela del copyright musicale

08 LUG 2024

“MILAN: ECCO FONSECA”

Con l'allenatore Paulo Fonseca è iniziata ufficialmente la nuova era del Milan