Quotidiano Giovani

Logo del Quotidiano Giovani
Attualità

GIU' LE MANI DALLA SCUOLA

Immagine dell'articolo

Francesco Sinopoli, Segretario generale della CGIL, ricorda al Ministro Bussetti l'accordo sulla scuola sottoscritto il 24 aprile 2109

"Il Ministro Bussetti mostra due volti: uno quando parla ai giornali nazionali e con i Sindacati e un altro quando parla dai giornali locali. Da quel che egli sostiene sul Corriere del Veneto del 7 luglio 2019 sembra emergere una sua totale dimenticanza di quanto ha sottoscritto con i maggiori sindacati della Scuola e dell’Istruzione il 24 aprile 2019", esordisce così Francesco Sinopoli, Segretario generale della CGIL.
 
"Glielo ricordiamo noi, allora, quanto egli ha sottoscritto nell’Intesa: 'Il Governo si impegna a salvaguardare l’unità e l’identità culturale del sistema nazionale di istruzione e ricerca, garantendo un sistema di reclutamento uniforme, lo status giuridico di tutto il personale regolato dal CCNL, e la tutela dell’unitarietà degli ordinamenti statali, dei curricoli e del sistema di governo delle istituzioni scolastiche autonome'. Ora, il Ministro dice che il suo modello si ispira a quello della Val d’Aosta e del Trentino, dove - ricorda in altro articolo lo stesso Corriere del Veneto - risorse, orario, piano di studio, contratti di lavoro, mobilità, aggiornamento del personale docente e ATA, reclutamento dei dirigenti scolastici, non sono più nazionali. Dicendo ciò si confessa candidamente che il sistema scolastico e di istruzione non esisterà più perché diventa regionale a statuto speciale. Non è questo che si legge in Costituzione. I patti vanno rispettati e noi ci attendiamo che il Ministro recuperi l’unitarietà di memoria e di pensiero rileggendo quanto egli stesso ha sottoscritto insieme al Presidente del Consiglio il 24 aprile 2019", questo il monito.


Attualità | di Marco Ottaviani | 08/07/2019


Condividi con

COMMENTI
Nessun commento presente