Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

LE FORMICHE CANTANO SOTTO LA NEVE

Immagine dell'articolo

Le formiche cantano sotto la neve è il libro di Ilaria Boria, avvocatessa, dottoressa di ricerca in giurisprudenza. Un'opera in cui si vede forte il sillogismo tra le formiche e il genere femminile.

Ma cosa hanno in comune le donne e le formiche? La resistenza, forse. Le formiche camminano in eterno con un malloppo di infinite varietà di cibo addosso, diverse per tipologia o dimensione. La formica non conosce tregua, è costante presenza.

Ilaria Boria: «Questo romanzo riprende la storia delle formiche e delle cicale con una chiave di lettura diversa. Questa morale è emersa quasi per caso nel senso che nella descrizione di uno stato emozionale che è l’innamoramento iniziale con il suo affermarsi sopra ogni cosa, con il suo chiasso esagerato mi è venuto spontaneo nella narrazione paragonarlo, appunto, al chiasso delle cicale. Perché è l’immagine che mi è apparsa: queste cicale che si impongono, che devastano le sere d’estate.

E allora è stato naturale ragionare sempre per immagini nel descrivere la differenza tra l’innamoramento iniziale e la costruzione di un rapporto con il superamento degli istinti e degli egocentrismi individuali. E quindi pensare alle formiche. E le formiche in questo romanzo sono le donne, chiaramente, ma in senso più generale sono le donne e gli uomini che spostano il punto di vista, che riescono a superare gli individualismi e gli egocentrismi per costruire relazioni profonde, lavorando in silenzio, costruendo a poco a poco, cantando, alla fine, la loro canzone».

L’etimologia della parola dolore arriva dal latino dolore, derivato di dolere, cioè sentir dolore. Sensazione di sofferenza fisica o morale, spirituale. Cosa o persona che causa dolore, nella sua terza accezione.

Noi chiediamo a Ilaria Boria come si scrive il dolore: «Il dolore è uno stato emozionale intenso, costante e patrimonio di tutti. È una condizione umana universale che ha la capacità straordinaria di essere estremamente identica in ciascuno anche se chiaramente i fatti scatenanti sono diversi, le conseguenze sono diverse. E allora mi è sembrato interessante analizzare il dolore soprattutto nelle conseguenze, in ciò che è in grado di determinare utilizzando oltre all’io narrante che è Anna, anche una sorta di narratore esterno che conosce più di Anna, conosce le menti che a lei sfuggono. E il narratore esterno è in grado di entrare nelle dinamiche mentali, nelle percezioni dei personaggi spostando il punto di vista e mostrando, quindi, il dolore degli altri per quello che è davvero.

 

03/04/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

09 MAG 2021

PARTE IL GIRO ED E' SUBITO TOP GANNA

Il Giro d’Italia comincia con una doppietta italiana

09 MAG 2021

DDL ZAN: OTTOMILA PERSONE IN PIAZZA A MILANO CHIEDONO CHE DIVENTI LEGGE

Il disegno di legge, presentato in Parlamento, è stato votato positivamente dalla Camera ma è fermo in Senato. I cittadini, scesi ieri in piazza a Milano, reclamano che venga approvato.

08 MAG 2021

“LOL, CHI RIDE È FUORI 2”

Al momento sono stati riconfermati solo i due conduttori, Mara Maionchi e Fedez, mentre sarà una sorpresa quando verrà trasmessa e chi comporrà la nuova squadra di comici, della seconda edizione.

08 MAG 2021

IL MOTORINO NON ATTRAE PIU' GLI ADOLESCENTI

La smania della macchinetta

07 MAG 2021

BORSA DI PLASTICA DA COLLECTION

Nuovo gadget fashion per l'estate firmato Ferragni

07 MAG 2021

SUCCESSO DELLA SWITCH

Spopola la console Nintendo